Academy1

Regalati una professione con l’AmericaNails Academy

Ciao a tutti e ben ritrovati. Il post di oggi voglio dedicarlo ad uno dei regali più belli ed utili che ci si potrebbe fare (non solo in questo periodo dell’anno): un corso in una delle tante AmericaNails Academy sparse in giro per l’Italia. Ed ora vi spiego il perché.

Academy1

Ho avuto, qualche tempo fa, la possibilità di visitare una delle suddette accademie, quella di Bari, e ne sono rimasta davvero colpita.
L’ ambiente è pulito e luminoso, il clima professionale e non austero, i docenti qualificati ma decisamente amichevoli e comprensivi; tutti elementi essenziali per sentirsi a proprio agio. E, personalmente, ritengo che un approccio rilassato a livello psicologico incida positivamente sull’apprendimento generale, specie per chi non ha mai amato stare dietro un banco di scuola.

Academy2
La capacità degli insegnanti di farsi seguire, la disponibilità nel ripetere passaggi poco chiari, nell’immedesimarsi nelle diverse tipologie di interlocutori andando incontro a differenti esigenze, rendono l’AmericaNails Academy un luogo propositivo ed entusiasmante, oltre che educativo, chiaramente.
Nel caso poi dell’accademia di Bari, le due fantastiche insegnati, Orietta e Maria Antonietta, sfiorano l’eccellenza della professionalità e della simpatia. Svolgono il loro lavoro con evidente passione e giornalmente mettono a disposizione le loro competenze e smisurate (non esagero) capacità a chiunque voglia imparare una vera e propria professione.

Academy3
Academy4
E di corsi tra i quali poter scegliere di frequentare ce ne sono davvero tanti e di livelli differenti. Dalla ricostruzione unghie completa a quello sulle nuove forme. Poi ci sono quelli di nail art, micropittura e, giusto per non farsi mancare nulla,  ci si può iscrivere anche a quelli di make up, dal più semplice a quello cinematografico (!!!). I costi sono davvero accessibili e c’è sempre la possibilità di ripetere il corso già frequentato in qualunque momento e gratuitamente nel caso se ne presentasse la necessità. Inoltre, ad ogni fine corso, dopo aver superato un piccolo esame, viene rilasciato un attestato di frequenza.
Cosa chiedere di più ad una scuola?

Academy6
Academy5
Tutto questo è possibile anche grazie alla qualità superiore dei prodotti e degli accessori AmericaNails e Hollywood Professional Make Up. Un supporto che è una garanzia per chiunque voglia intraprendere con serietà una professione che, non dimentichiamolo, interviene direttamente sul corpo umano, trattando zone spesso molto delicate come le unghie, nel caso della ricostruzione, e l’epidermide, nel caso del make up.

3
Insegnanti qualificati, prodotti eccellenti, ambienti confortevoli, costi accessibili, vasta scelta sulle tipologie di corsi, conseguimento di un attestato. Cos’altro potrebbe dipanare i dubbi e convincervi che, tra tante scuole, l’AmericaNails Academy è quella giusta? Eheh…io lo so! La reale possibilità di poter imparare a fare questi:

2

1

A presto!

Le sedi AmericaNails Academy sono a Roma, Milano, Olbia, Francavilla al mare, Bari, Cosenza, Poggibonsi e San Prisco. Per maggiori informazioni vai sul sito AmericaNails e contatta la sede più vicina a te.

Santa Mouse nails 2

Nail Tails: Santa Mouse

Siamo ai primi di Dicembre e il clima natalizio si sente forte nell’aria. A casa mia l’albero non è ancora spuntato magicamente in salotto ma si è già praticamente trasformata in un cantiere: si taglia, si cuce, si intreccia, si incolla, si appende, si addobba. Un piccolo laboratorio familiare caldo e confortevole.
Grazie a questa atmosfera magica, rafforzata dai tipici canti natalizi suonati a palla dall’MP3 di mia madre, mi è venuto in mente un racconto, breve, che leggevamo da bambini: Santa Mouse.

santa mouse book cover 1978

Scritto da Michael Brown e illustrato dalla bravissima Elfrieda DeWitt, la prima edizione di questa carinissima storia per bambini risale al 1966. Dopo cinquant’anni, oltreoceano, riscuote ancora lo stessissimo successo di allora rimanendo sempre ai primi posti nelle classifiche dei libri per l’infanzia legati al Natale.
La mia è un’edizione del 1978 e, a parte la copertina ingiallita e qualche piccolo scarabocchio, è in ottime condizioni.

santa mouse book 1978ed
La trama è semplice, come lo è spesso nei racconti di maggior successo: un topolino vive da solo in una grande casa. Immagina spesso di giocare agli indiani o a fare il cowboy con degli amici, ma appena li tocca loro scompaiono come bolle di sapone.
E’un topino bravo e diligente tanto da decidere di lasciare, la notte della vigilia, un pezzo di formaggio, incartato con l’involucro delle gomme da masticare, come regalo per Babbo Natale. Indossa il pigiama, si lava i denti e le zampine e va’ a dormire. Poco dopo, Santa Claus in persona, lo sveglia ringraziandolo per il pensiero e lo invita a diventare suo aiutante appioppandogli il nome di Santa Mouse.

Tutto il racconto è scritto in rima, sarà forse questo il motivo per il quale non è mai stato tradotto in italiano? Davvero un gran peccato!

Santa Mouse nails1

Santa Mouse nails 2

 

Santa Mouse nails4

Questa è la nail art che ho realizzato ispirandomi al bellissimo racconto e fortemente legato alla mia infanzia.
Su base bianco gesso ho disegnato i volti di Santa Claus e Santa Mouse, rispettivamente su pollice ed anulare, utilizzando i colori acrilici. Le unghie rimanenti ho voluto decorarle con delle ghirlande, semplici e veloci da realizzare.

Considerato che il risultato mi è sembrato davvero buono (viste dal vivo i colori sono leggermente differenti, specie il viso di Babbo Natale), ho deciso di partecipare al contest di Natale di AmericaNails. Le possibilità di concorrere sono due: unghie naturali (cinque dita obbligatorie) e mixed media box (tip in plastica). Si può partecipare con più entries in entrambe le categorie. In palio ci sono un sacco di prodotti AmericaNails ed io, che adoro il marchio e lo sapete, potevo non provarci? Se volete farlo anche voi leggete il regolamento pubblicato sulla pagina Facebook dell’evento cliccando sull’immagine qui sotto. Avete tempo fino al 7 Gennaio!

evento
Di seguito, invece, la foto che ho inviato per il concorso. La “A” sul pollice sta per AmericaNails e significa che il lavoro è nuovo, originale e non pescato sul web. Lo trovo un ottimo accorgimento.

Santa Mouse contest
Ho tantissime cose da fare, come tutti in questo periodo, ma mi auguro di riuscire a tenervi aggiornati su tutti i miei progettini natalizi. Baciotti!!

sweet6

Sweet november, sole e nail art

Il passaggio da una stagione all’altra è, per me, sempre un po’ destabilizzante. Dopo un Settembre capriccioso, un Ottobre umido e piovoso, Novembre sembra volermi regalare equilibrio e farmi riappacificare col mondo. Guardate che belle le mie piante!

sweet3 sweet1 sweet2
Un sole così brillante che mi ha spinto a dipingere le unghie di giallo, un giallo caldo, che regala vivacità ad una stagione solitamente grigia e buia.
Per il decoro ho scelto qualcosa di classico e semplice, le foglie d’autunno: quelle che fanno “crunch” quando le schiacci sotto piedi ( adoooro!).
La tecnica usata è la “one stroke“, che consiste nello sfumare i colori sulla tavolozza e dare profondità al soggetto con una sola pennellata. Non la uso spesso perché non la ritengo molto nelle mie corde, ma in questo caso è venuta fuori in modo naturale e mi piace, mi piace sul serio. È stata l’unica cosa che son riuscita a visualizzare nella mia mente e l’unica che ho voluto riprodurre. Provate a dirmi che ne pensate.

sweet4
sweet5
sweet6
sweet8

Sono a mio agio con questi colori, sono quelli che utilizzo spesso durante questa stagione, molto caldi e naturali, fanno bene anche al mio umore.
E voi quale colore di smalto avete eletto come preferito d’Autunno?